3

Serata alle Tre Croci

Pubblicato il 5.7.09

 

image Ieri sera gran parte del gruppo dei Valbossini si è recato alle ore 20.30 alla volta di Campo dei Fiori di Varese per allenarsi e raggiungere il Forte di Orino oltre che per ammirare le bellezze del panorama delle valli del luinese. Giunti alla meta abbiamo visto i laghi della provincia di Varese,il lago Maggiore,il Monviso e il monte Rosa. Questi luoghi sono ricchi di vegetazione composta da alberi sia a foglia caduca che sempre verdi i quali, nell'alternanza delle stagioni,offrono una visione sempre degna di essere osservata: il panorama che si apre alla vista di ognuno è veramente grandioso! Dopo essere giunti ad Orino ed aver scattato la consueta foto di gruppo siamo ritornati al punto di partenza per recarci successivamente al monte Tre Croci da cui abbiamo assistito a uno splendido plenilunio. Siamo stati graziati dalla benevolenza del tempo, dato che dopo diverse serate piovose, quella prescelta da noi è stata serena.

È veramente piacevole descrivere la gioia provata stando in compagnia di tutti gli atleti del gruppo e anche di persone di altre società non soltanto per l'allenamento svolto ma anche per lo spirito di gruppo sempre presente tra noi. Ognuno di noi ha portato qualche leccornia  da gustare insieme presso le Tre Croci, dimostrando le proprie abilità culinarie.
In particolare sono stati molto apprezzati i dolcetti di Jole e le crostate di Silvano. Per me è stata la prima volta che ho assistito a questo spettacolo notturno da una postazione tanto "privilegiata" e il mio giudizio è davvero positivo, tanto che mi piacerebbe poter inserire  questo appuntamento nel calendario dei nostri allenamenti.
È stata una serata simpatica ed allegra trascorsa in ottima compagnia,ben riuscita anche grazie alla pace che solo la montagna sa dare. (foto)

A.De Mieri

3 commenti
  1. pilo966 5 luglio 2009 15:31  

    Io mi sono diverito moltissimo, non tanto per la corsetta quanto piuttosto per il dopo corsa.
    Già il ''quasi'' perderci nei boschi è stato mitico (la so io la strada si sentiva dire), ma il mangiare ai piedi delle tre croci con il Santo Altare a farci da tavola e tutti uniti rimarrà nei miei ricordi.
    Grande Maxxico che deve aver dato fondo alla sua riserva personale di salumi tanto erano gustosi, e grazie a tutti quelli che hanno pertato cibarie e beveraggi vari.
    Per mè il primo plenilunio di luglio ul salam la luna e i tre crus devono diventare un appuntamento fisso come la Martica prima di Natale.

    il pilo

  2. fff 6 luglio 2009 00:46  

    Chi c'era era presente, come al solito mancavano gli assenti, probabilmente non erano li perchè stavano da qualche altra parte....almeno,..credo...
    Le tre Croci sono state messe a dimora nel 1636 per riprodurre simbolicamente il Monte Calvario, quelle attuali risalgono al 1900, insallate per il Giubileo e la grande croce centrale è stata scolpita dal Pogliaghi già autore in Varese di molte altre grandiose opere speciamente nel periodo Liberty, la bella epoque, oramai passata....come venerdì sera è passato da quelle altitudini un nuovo, sanguinario popolo barbaro.
    Dopo gli Unni, i Visigoti ed i Vandali, ecco i Valbossini che guidati al terribile Angelo the president, hanno portato lo scompiglio tra i tassi (non d'interesse), i cinghaili, i cervi e tutti i tranquilli abitatori delle montagna varesina.
    Hanno gozzovigliato alla faccia della crisi mondiale, mostrando tutta la loro sbeffardaggine. Alcuni di loro avrebbero voluto addirittura una sorta di riedizione del ratto delle Sabine! Ma la Sabina è lontana ed i ratti fanno schifo e poi l'alcol ingurgitato ha calmierato anche i più esagitati.
    Vabbè, è stata una bella serata e come tutte le cose belle è purtoppo durata un soffio ma forse per questo rimarrà ancor più impressa nella nostra memoria.
    Buona settimana a tutti

  3. Rita 6 luglio 2009 11:03  

    L'intenzione era quella di scrivere un mio pensiero, sicuramente positivo, sulla meravigliosa serata trascorsa tra noi "Mititici Valbossini" e qualche ben accetto infiltrato. Dopo aver letto il precedente commento di fff ogni parola e osservazione mi sembra banale e scontata.
    Comunque, per concludere, posso dire che mi sono divertita tantissimo dimenticandomi il dolore alla gamba. Grande Valbossa!