13

ORLANDO PIZZOLATO

Pubblicato il 25.1.10

Sci di fondo e corsa

image Sciare nel week end è un’attività che interessa numerosi podisti, specialmente lo sci nordico perché è un gesto che molto si avvicina alla corsa in quanto determina sollecitazioni cardiocircolatorie molto simili. L’impegno fisico dello sci di fondo è leggermente inferiore a quello della corsa, sia perché lo scivolamento sulla neve non comporta le sollecitazioni verticali che si hanno ad ogni falcata, sia perché la mancanza d’impatto con la superficie annulla praticamente la contrazione muscolare eccentrica, vale a dire la tensione che le fibre subiscono a causa delle forze d’impatto con il terreno. Per tale motivo si possono percorrere sugli sci parecchi chilometri, anche in giorni successivi, senza avvertire gli affaticamenti tipici degli allenamenti podistici prolungati ed impegnativi. Pertanto il dispendio energetico dello sci è inferiore del 20% circa rispetto alla corsa.

CONTINUA

13 commenti
  1. pica 27 gennaio 2010 17:47  

    giornata della memoria?

  2. gilda 28 gennaio 2010 10:34  

    contro ogni forma di negazionismo...
    "RICORDATE CHE QUESTO è STATO!"
    P. Levi

  3. gilda 28 gennaio 2010 11:46  

    errata corrige: "MEDITATE" non ricordate... va beh il senso non cambia!
    a propostito stasera alle 21.00 a Daverio in sala consigliare c'è una serata dal titolo "La shoah italiana"

  4. pica 28 gennaio 2010 13:37  

    ma io ho mandato "se questo è un uomo" Primo Levi ,ma non è stata pubblicata...per questo ho posto la domanda...

  5. pilo966 28 gennaio 2010 13:53  

    Per Chiara
    A domanda... risposta.
    Abbiamo risposto alla tua mail solo oggi perchè prima non è stato possibile.
    Generalmente si riesce ad essere tempestivi, a volte ci è impossibile (ad esempio siamo fuori sede per lavoro)
    Vedi tra la tua posta in arrivo.

    il pilo

  6. pilo966 28 gennaio 2010 13:56  

    Suggerimento per Chaira.
    Pubblica ciò che desideri tramite i commenti (sempre che non siano cose offensive). E' più laborioso ma immediato e soprattutto trascende ciò che ti ho scritto nella mail.

    il pilo

  7. fff 28 gennaio 2010 14:57  

    dovrebbero anche "non farci dimenticare" i milioni di repressi nei campi di lavoro in Siberia, (leggete Arcipelago Gulag di Solzenycin, fa accapponare i glutei) ma anche gli infoibati del Carso, il milione e mezzo di Armeni da parte dei Turchi, i tibetani da parte dei cinesi, ma i morti dell'altra parte sono considerati i maniera meno importante.
    Pur immondo che sia stato il genocidio degli ebrei, non c'è solo la shoah da ricordare...

  8. gilda 28 gennaio 2010 18:27  

    benissimo... allora mettiamoci anche il genocidio degli indiani d'america, quello della vicina bosnia, quello del ruanda (se non l'hai ancora letto ti consiglio vivamente "una domenica in piscina a kigali" di gil courtemanche, sono pugni nello stomaco, lacrime agli occhi e conati di vomito), tutti gli altri che non ci vengono in mente o di cui non ci è dato sapere, e ricordiamoci, indipendentemente da chi siano le vittime, dove può arrivare la bestia umana, e cosa i governi fingono di non vedere quando i lori interessi non li portano lì. ... l’innegabile fatto che ci siano altri genocidi da non dimenticare non sminuisce comunque la tragedia della shoah e il volerla ricordare non rappresenta di certo un torto per le altre vittime...

  9. gilda x chiara 28 gennaio 2010 18:31  

    Voi che vivete sicuri
    Nelle vostre tiepide case,
    Voi che trovate tornando a sera
    Il cibo caldo e visi amici:
    Considerate se questo è un uomo
    Che lavora nel fango
    Che non conosce pace
    Che lotta per mezzo pane
    Che muore per un sì o per un no.
    Considerate se questa è una donna,
    Senza capelli e senza nome
    Senza più forza di ricordare
    Vuoti gli occhi e freddo il grembo
    Come una rana d'inverno.
    Meditate che questo è stato:
    Vi comando queste parole.
    Scolpitele nel vostro cuore
    Stando in casa andando per via,
    Coricandovi alzandovi;
    Ripetetele ai vostri figli.
    O vi si sfaccia la casa,
    La malattia vi impedisca,
    I vostri nati torcano il viso da voi.

    Primo Levi - Se questo è un uomo -
    Avigliana - Torino, dicembre 1945 - gennaio 1947

  10. 3mea 28 gennaio 2010 21:06  

    urca, scusate, con tutto il ripetto ma pensavo di trovare informazioni per il fondo/corsa, visto l'articolo

  11. fff 29 gennaio 2010 00:50  

    invece credo che il torto venga fatto agli altri genocidi, tanto per rimanere nel Bel Paese (metto la maiuscola solo per rispetto degli altri, non certo per il mio) basta vedere le sollevazioni da parte di certa parte politica quando ci si è decisi ad andar a fondo sugli infoibati o sulle mattanze dei partigiani ai danni dei fascisti, il tutti ben descritto dal libro "il sangue dei vinti" di Pansa. Ieri, forse giustamente, tutti i canali tv trasmettevano film triti e ritriti su ebrei e nazisti..ma la battaglia a colpi di machete degli utu e tutzi del Ruanda che ha provocato centinaia di migliaia di morti solo pochi anni fa, come ricordavi tu, e finita nell'oblio e questo non è per niente giusto. Poi, che ognuno la pensi come vuole, che forse è la cosa + giusta.

  12. gilda 29 gennaio 2010 14:53  

    l'oblio è un torto, non la memoria!

  13. tillo 29 gennaio 2010 16:22  

    è vero Gilda l'oblio è un torto.
    mio papà nel 39 è andato in guerra
    Albania, Grecia poi preso prigioniero e portato in germania nei campi di concentramento fino alla fine del 45. Secondo te quanti delle nuove generazioni sanno dell'esistenza e dell'esperienza di tanti come mio papà ?