3

STRA...RHODENSE

Pubblicato il 29.9.09

Domenica 27 settembre 2009 il duo Valbossa Basoli – Ferretti si è cimentato a Rho nella 22^ edizione della Stra...Rhodense gara competitiva e non, sulla distanza di 13 Km.
Da precisare che, oltre alla gara di 13 km, c’era la possibilità di correre anche sulla distanza di 6 km e su quella di 21 km.
La partenza, avvenuta nel centro sportivo di Castellazzo, della non competitiva era libera dalle 8.30 alle 9.30 mentre quella della gara competitiva ha preso il via alle 9.15.

Il percorso molto bello e completamente pianeggiante (a parte un piccolo sotto passo da affrontare sia in andata che al ritorno) ha toccato i comuni di Rho, Pregnana e Vanzago, lambendo l'area protetta del WWF di Vanzago.
L’arrivo in mezzo al campo del Centro Sportivo di Castellazzo è stato fantastico in quanto i podisti sono stati accolti in una festosa cornice di pubblico.
Nel complesso la 22esima Strarhodense ha visto circa 2000 podisti, sparpagliati su tutti i percorsi, sia nella competitiva che nella non competitiva.
Con 5,00 Euro di iscrizione tutti i partecipanti hanno ricevuto un sacchetto gastronomico ricco di prodotti quali pasta, biscotti, acqua, integratori, caffè, bibite, etc... e con l'aggiunta di una bottiglia di spumante La Versa per i competitivi.
Inoltre, per quanto riguarda le gare competitive, sono stati premiati i primi sei uomini e le prime sei donne con premi che prevedevano per i primi tre classificati cesti gastronomici mentre dal quarto al sesto un cellulare.
A fine gara ci si poteva rifocillare con un ristoro da spettacolo con panini al salame e mortadella, risotto, pomodori, fette biscottate con marmellata e nutella, biscotti, snack e cioccolati vari, thè, aranciata, gassosa, cola, succo di pompelmo e acqua in quantità industriali.
Alle ore 8:20 arriviamo in zona partenza e subito dobbiamo affrontare il problema parcheggio; infatti dalla quantità di partecipanti, trovare posto per la macchina è una vera impresa.
Comunque, dopo vari tentativi, troviamo un buco non proprio vicino al ritrovo ma abbastanza comodo.
Mentre ci mettiamo in coda per l’iscrizione, veniamo raggiunti da una serie di facce a noi note tipo Brambilla, Pagani, Trogu, De Muru, Merlin, Larice e altri ancora.
Dopo scambi di convenevoli e battute, è ora di posizionarci sulla linea della partenza che, come detto, viene data alle 9:15.
La partenza è abbastanza tranquilla e il cambio di ritmo avviene verso il terzo chilometro dove al comando si porta un terzetto composto da Pagani, Brambilla e colui che poi vincerà la 21 km (che però non ricordo il nome).
Io rimango staccato e relegato in quinta posizione ma, piano piano, riesco a puntare e spuntare la quarta posizione che diventerà terza al bivio fra i 13 e i 21 km.
Finisco così in 47’:30” i miei 13 km, vinti da Branbilla in poco più di 44’ su Pagani, staccato dal vincitore di circa 30-40”.
Il compare Ferretti, che ha un brutto rapporto con i cordoli di cemento, per una caduta con battuta di ginocchio e scartavetrata di mano, verso il secondo chilometro si è visto costretto a condurre una gara in rimonta.
Comunque pure lui ha finito con una bella progressione in.... non ricordando la posizione in classifica  e quindi rimando a lui il compito di comunicarla sul blog.
Nel complesso è stata una bella e proficua trasferta da ripetere anche l’anno prossimo.
Saluti Andrea Basoli
P.S.:allego la foto del pacco gara avuto con l’iscrizione

PICT0487

3 commenti
  1. kiaretta 29 settembre 2009 19:28  

    ho sempre detto che bisogna andare a correre nel milanese...
    1. le gare sono più competitive
    2. i percorsi sono più corribili
    3. paghi l'iscrizione che ne vale la pena...pensare che il winter costa cinque euro a gara

  2. franchino 29 settembre 2009 22:06  

    Solo di pacco gara vi siete rimborsati l'iscrizione!

  3. fff 30 settembre 2009 00:19  

    dovete sapere che una frazione del comune di erre acca o (Rho) si chiama "Mazzo".
    ebbene, il ferretti ha fatto la stramazzo nel senso che la mazzata l'ha presa dopo bensì 500 mt dalla partenza. penso che dall'assesorato ai lavori pubblici del municipio di Rho arriverà un'ingiunzione di pagamento per danni ai cordoli della pubblica via! miiiii...che lecca!!!!
    dopo un minutino di smarrimento totale ed un altro di scannerizzazione corporea per individuare eventuali danni fisici e/o psichici son ripartito come Mercurio, il messaggero degli dei ed è stato eccitante recuperare posizioni, che però all'arrivo nn hanno comunicato...vabbè..
    Diversamente da Andrea però non ho tanto entusiasmo nel tornare, c'è troppo casino: gente che va, gente della n.c. che ritorna, non si ha la cognizione di chi ti sta davanti, se è un podista che affronta la competitiva o se è qlcn che corre la ivv.
    mah....
    milan l'è un gran milan ma l'è anca un gran casott!
    baci&abbracci