4

La Stramilano del DiGi

Pubblicato il 31.3.15

di Fabio Di Giacomo

image La Stramilano la considero come una gara di casa, visto che ci lavoro ormai da più di 12 anni e che spesso mi alleno qui.
Ci arrivo fisicamente preparato, grazie anche al lavoro fatto in pista settimanalmente insieme ai miei compagni di allenamento, Francesco, Davide, e Roberto e Pino che purtroppo non hanno potuto partecipare, e mentalmente pronto, anche confortato dall'ultimo risultato ottenuto nel test della Stravicenza.
Domenica mattina, partenza in direzione Milano assieme al mio " socio " Francesco e alla giovane promessa e speranza Valbossina, Marta Dani. Lasciamo la macchina a Lampugnano, dove troviamo altri valbossini a cui ci aggreghiamo per recarci verso la partenza. Quest'anno ho trovato sempre brutto tempo nelle varie gare dove ho partecipato,e domenica finalmente il meteo ci regala una giornata ideale per correre: un bel sole caldo, mitigato da una leggera brezzolina.
Milano è invasa da una variopinta moltitudine di persone che corrono, infatti, la gara di 10 km, la stramilanina dei 50.000, è già iniziata.
Cominciamo i preparativi di rito, e nel frattempo incontriamo altri valbossini con cui scambiamo due chiacchiere e le ultime impressioni prima della corsa.
Un po' di riscaldamento e ci dirigiamo nelle griglie, dove siamo divisi in base ai nostri migliori tempi. Siccome è presto, riesco a posizionarmi quasi a ridosso dei Top Runners, perché il problema principale di una gara così partecipata, ci sono quasi 6000 partenti, è l'inizio che può essere molto caotico.
Arrivano finalmente le 11 e via si parte!
La gara va' come speravo e come l'avevo preparata, senza forzare all'inizio e rispettando i tempi ai vari parziali di riferimento. Patisco solo un po' fatica verso il 17º km, ma ormai il più è fatto, il crono è buono, ci si dimentica la fatica e si spinge più che si può.
Arrivo in prossimità dell'Arena, dove comincia l'ultimo tratto transennato con tanta gente che ci incita, si entra nella pista e sul traguardo è posizionato il timer con il tempo che scorre inesorabile.
Il mio obiettivo era di stare sotto l'ora e 16. Chiudo la gara siglando il mio nuovo personale, con il tempo di 1:15'47" !!!
Contento e felicissimo!!!
Un tempo che quasi non pensavo di poter raggiungere. Il lavoro paga sempre!!
Per rendere ancora più perfetta la giornata, la notizia del personale anche per Davide, le ottime prime mezze di Marta e Stefano, e le buone prestazioni di tutti gli altri valbossini.
Fabio

4 commenti
  1. Paolo Negretto 31 marzo 2015 13:19  

    Complimenti Fabio, vai sempre piu veloce!

  2. Anonimo 31 marzo 2015 20:08  

    Bella Fabio! Sempre motivato e con il sorriso. Un pizzico di sana invidia per la tua capacità di allenarti in modo serio. Ciao.
    Alberzek

  3. Playbeppe 31 marzo 2015 20:27  

    Complimenti Fabio! Gran bel tempo!

  4. Massimo Colombo 1 aprile 2015 10:33  

    Bravissimo Fabio.
    Chissà dove potresti arrivare se solo mangiassi qualche sana bistecca.
    Ahahah