3

di Fabio Di Giacomo

Ci tenevo veramente tanto a fare bene al Trail di Bòzz, per tanti motivi: perché organizzato dagli amici dell'Insubria; perché prima tappa del circuito delle Prealpi varesine, perché primo appuntamento del nostro trofeo qualità e perché già l'anno scorso mi era piaciuto il percorso.
Finalmente arriva domenica, non vedevo l'ora!
Mi sento pronto, preparato e carico, voglioso di correre e convinto di poter fare una bella gara. La giornata di sole che si sta manifestando mi rende ancora più ottimista...
Vado ad Arsago con Stefano, più tardi mi raggiungerà Debora che con la nostra cagnolina Cloe parteciperà alla gara corta.
Preparativi di rito, ed in un attimo e già ora di partire.
Colpo di pistola e via a tutta!
image La corsa scorre via piacevole, il terreno asciutto aiuta molto, si corre bene. Il percorso è bello e vario, saliscendi, cambi di direzione, piccoli strappi in salita.
Dopo una 15 km, rimaniamo io e il giovane atleta bergamasco della Valetudo, Angelo Busi, con lui a fare l'andatura ed io che lo seguo a 20/30 metri.
Cerco di rimanergli vicino, perché so che la seconda parte è quella più impegnativa.
Al 18º km circa, arriviamo alla salita dei piloni, e qui capisco che qualcosa sta cambiando. Infatti mi riporto velocemente sotto ad Angelo che mi sembra faccia fatica. Rimaniamo insieme per un paio di km, e dopo i guadi, accelero un po', e in maniera costante stacco sempre più l'atleta Valetudo.
Mancano 5 km, sono davanti, mi sento ancora bene, e comincio a pensare, che si, c'è la posso fare!
imageSpingo a tutta, mi guardo indietro un paio di volte, ma non vedo nessuno. Riconosco l'ultima parte della percorso , non manca tanto.
Rallento un pochino, per godere appieno l'ultimo km, (che sotto sotto e molto segretamente mi ero immaginato essere così), sensazioni indescrivibili.... 
Esco dallo sterrato ed entro in paese, sento lo speaker che dice il mio nome e finalmente taglio il traguardo!

Felicissimo!

Quasi non ci credo, se solo penso, che una stessa domenica di 2 anni fa, l'avrei passata sul divano di casa a vedere la partita di calcio, fumando e dopo essermi abbuffato a pranzo....
Come le cose possono cambiare!!!

Fabio

3 commenti
  1. Anonimo 11 marzo 2015 11:15  

    Vale sia per il racconto di Fabio che quello del Poggio. Bravi per le ottime prestazioni (DiGi mitico!) dove comunque tutti gli altri valbossini sono andati alla grande e bravi per aver messo nero su bianco le belle sensazioni provate. Un saluto e a presto sui sentieri.
    Alberzek

  2. Dario Corà 12 marzo 2015 13:21  

    Complimentoni Fabio sei fortissimo ;)))
    e complimenti a Poggio e tutti i Valbossini presenti...
    Peccato non essere stato dei vostri...
    A presto

  3. 3mea 12 marzo 2015 17:04  

    Sempre più grande valbossa!!
    peccato non aver provato i sentieri asciutti polverosi e con il sole