15

Il Terzo Giro delle Mura di Loano, gara FIDAL di 10 km valevole per l'assegnazione del titolo di campione regionale individuale di corsa su strada, ha visto partecipi due porta colori Valbossa e precisamente il sottoscritto e Alexia.
La gara, bellissima sia per il percorso che per il pubblico e l'organizzazione, è stata portata a termine egregiamente da Alexia che, con il tempo di 42':22", si è piazzata prima di categoria mentre il sottoscritto ha finito in 22 esima posizione assoluta con il tempo di 35':45" vincendo la sfida tutta varesina con gli amici alfieri del Sette Laghi Runners Marco Tiozzo e Paolo Bassetto.
Quello che però vorrei che balzasse all'occhio, non è tanto la gara di Loano quanto, piuttosto, ciò che questa mattina ho scoperto visitando il sito dell'Atletica Casorate.
Bene, sulla loro home page leggo "Riflettori puntati sul 7° Winter Challenge di Cross" e appena sotto "Winter Challenge: il volantino ufficiale".
Storicamente il Winter Challenge nasce per merito del gruppo podistico Miralago e, nel corso degli anni, si è aggiunta nell'organizzazione l'Atletica Verbano e il Runners Valbossa.
Ora che anche questi ultimi due gruppi debbano far parte tutti gli anni dell'organizzazione non è obbligatorio anzi, ben vengano altri interessati.
Ma che vengano esclusi senza nemmeno dare una giustificazione pubblica e sensata del perché, mi sembra piuttosto un atteggiamento, come dire, di "taglia fuori".
Personalmente non ho nulla contro coloro che si sono "inventati" il nuovo calendario e, come tutti gli anni, parteciperò al Winter Challenge, però penso anche che alcuni podisti, che a questo punto prenderanno delle posizioni di parte, eviteranno di gareggiare nelle 4 gare proposte.
Ripeto, non perché non piacciano i cross o i percorsi delle tappe, ma perché si sta creando una sorta di ripicca fra un gruppo podistico e l'altro.
Chiedo a tutti coloro che avranno modo di leggere questa mia osservazione di intervenire esprimendo una propria opinione a riguardo della cosa.
Chiedo inoltre ai tre organizzatori del Winter di spiegare a tutti perché la bellissima tappa di Crosio della Valle e il classico Cross del Vallone non siano stati "interpellati" e "messi a conoscenza" del fatto che già da mesi si stava lavorando per il 7° Winter Challenge.


Andrea Basoli

1 Giro Alexia Podio 3

15 commenti
  1. pilo966 21 settembre 2009 14:16  

    Che dire Andrea, il comportamento tenuto dai “nuovi” organizzatori del Winter Challenge è a dir poco VERGOGNOSO.
    Come tu sai io e Marco siamo stati i promotori in ambito Valbossa dell’affiliazione nelle ultime due stagioni della nostra gara al Winter.
    Sempre noi abbiamo partecipato alle varie riunioni tenutesi l’anno passato presso la Miralago per affinare il regolamento ed organizzare le gare (a Cuvio noi della Valbossa con Beltramello della Verbano abbiamo preso le iscrizioni), ora scopriamo “ufficialmente” che siamo stato tagliati fuori.
    Ho scritto ufficialmente perché ufficiosamente eravamo a conoscenza del fatto che stavano lavorando sotto terra come carbonari per escluderci.
    Discorsi vaneggianti sentiti da alcuni “nuovi” organizzatori ci avevano fatto pensare che la nostra presenza e quella del Verbano non fosse più gradita. A mio avviso per due motivi:
    il primo è che chi è abituato ad organizzare le gare alla “carlona” non accetta i sacrosanti e giusti rimproveri che noi (soprattutto Marco Z.) abbiamo sollevato in merito all’inserimento del winter nella Fidal e a tutta la successiva gestione Fidal, il secondo è l’astio tra la 7 laghi ed il Verbano e visto le amicizie del circus è chiaro che a farne le spese sia stata la Verbano.
    Aggiungo che la prima scusa adottata è stata che noi e la Verbano non ci eravamo più fatti sentire e quindi significava che non eravamo interessati.
    La cosa, almeno per noi della Valbossa, è assolutamente falsa. Io stesso ho parlato con il presidente della Miralago non più tardi della meta di giugno ed eravamo rimasti di risentirci ai primi di settembre per definire un calendario di incontri per l’organizzazione del Winter 2009, ma tant’é…
    Resta un un’ultima riflessione; è veramente brutto assistere a questi giochetti, il nostro mi sembrava ancora un ambiente genuino e vedere ripicche e sgambetti tra noi podisti mi rattrista molto.

    Il pilo

  2. basoli 21 settembre 2009 16:13  

    Vedi Claudio, ciò che spieghi chiaramente è quello che, come sai, sappiamo tutti noi del consiglio e alcuni amici che sono stati resi edotti in merito.
    Però mi piacerebbe sentir dire chiaramente queste cose proprio da coloro che si sono fatti promotori del Winter Challenge 2009.
    Giochetti di stupida ripicca nei confronti di alcune società.
    Ripeto, personalmente non ho nienete contro la triade, anzi sono amici podisti con il quale condividere dei bei momenti di competizione in gara e divertimento fuori gara, ma mi dispiace vedere che per futili motivi ci siano queste discriminazioni fra colori sociali.

    Andrea Basoli

  3. Anonimo 21 settembre 2009 16:15  

    Intervengo da dirigente di uno dei gruppi organizzatori del Winter Challenge. Noi siamo stati contattati prima delle ferie (insieme a diversi altri gruppi, Verbano e Valbossa compresi) da Antonio Puricelli per dare la disponibilità o meno ad organizzare una delle prove del Winter Challenge. A quanto mi risulta l'Atletica Verbano non ha dato risposta, se non in maniera tardiva (quindi niente ripicche con 7 Laghi), mentre Valbossa, che inizialmente doveva essere una delle società organizzatrici, pare abbia posto una data tassativa come condizione per la partecipazione. Ora non sta a me dire chi abbia ragione e chi torto, mi spiace sempre che in ogni situazione ci sia chi debba trovare a tutti i costi del marcio per seminare zizzania fra le varie società, quando una maggior coesione forse aiuterebbe l'ambiente.
    In quanto al discorso Fidal, che piacciano o meno, le regole sono quelle, se una società vuole organizzare una gara, questa deve essere omologata dalla Federazione.
    Grazie per l'ospitalità. Ci vediamo il 26 a Sumirago.
    Valerio Leonardi (Athlon Runners)

  4. pilo966 21 settembre 2009 16:28  

    Caro Valerio credo tu abbia informazioni sbagliate.
    Se la gara è Fidal ci devono essere i giudici e si segue il regolamento Fidal che impone la presenza del medico.
    La prima gara (Cadrezzate) del 2008 era Fidal ma il medico non c'era e le regole Fidal sono state disattese tanto che il solito Euro che si da alla federazione non è stato loro riconosciuto.
    Per quanro riguarda l'essere stati contattati da Puricelli o da altri anche qui hai informazioni sbagliate. Io, insieme a Marco Z. siamo i responsabili del cross della Valbossa cross. Nessuno ci ha contattato!!!!!
    Tutti conoscono il ns Presidente che NON è stato contattato!!!
    Abbiamo chiesto più volte (a Raffaele della Miralago telefonicamente, ad Antonio di persona a Sumirago durante i 3.000 in pista)di trovarci e di parlarne ma non ci è stata data la possibilità di farlo; il ns Presidente ha contattato Antonio chiedendogli spiegazioni e restando in attesa di una risposta mai avuta; in ultimo, ripeto, io personalmente ho contattato Raffaele prima delle ferie per chiedegli un incontro per definire il Winter 2009, Tutto il resto sono "fregnaccie" ridicole.
    Non ci hanno voluto e questo è tutto. NON SI FA COSI'

    il pilo

  5. basoli 21 settembre 2009 16:56  

    Caro Valerio, sono ben felice di partecipare alla gara da voi organizzata per il Winter, però Claudio ha perfettamente ragione e ti posso anche aggiungere che in occasione dei 3000 mt in pista di Sumirago ero presente alla discussione fra Marco Z., Claudio appunto e Puricelli.
    Aggiungo un'altra cosa, ho tanti amici che militano nel Verbano sia come atleti che consiglieri e ti assicuro che anche loro hanno avuto il nostro stesso trattamento in merito alla stesura delle tappe e delle date.
    Con ciò non voglio dire che ci sia del marcio però bisogna riconoscere un certo comportamento sleale.
    Ciao Andrea Basoli

  6. Anonimo 22 settembre 2009 06:38  

    Caro Andrea, io non pretendo di essere il detentore della verità assoluta come Claudio, che si permette di insultare con motivazioni che mi sembrano campate per aria (dal discorso Fidal a "quelli che organizzano le gare alla carlona"). Alla fine di luglio ho parlato con Antonio Puricelli del Winter Challenge e il Cross della Valbossa era fra le sedi del calendario che era stato abbozzato, dopo le ferie ci sono stati altri contatti fra Claudio e Raffaele, quindi non è vero che Valbossa è stata tenuta completamente all'oscuro di tutto.
    Sicuramente ci sono stati errori e incomprensioni da entrambe le parti, ma non sono in condizioni di dire da che parte penda la bilancia.
    Quello che penso è che tutti (me compreso) dobbiamo farci un esame di coscienza e cercare di far sì che il movimento podistico varesino in futuro sia un po' più unito di quello che è stato finora.
    Ciao.
    Valerio

  7. basoli 22 settembre 2009 09:28  

    Ciao Valerio,
    ti assicuro, per come so le cose io e per come mi sono state riportate dal nostro presidente (che ancora aspetta una chiamata ufficiale da Antonio) che i Runners Valbossa sono stati "messi in disparte" dall'organizzare il Winter.
    Poi che Claudio o Marco abbiano voluto gestire di loro iniziativa i contatti con le altre società organizzatrici senza rendere partecipi i consiglieri valbossa, questo non mi è dato a sapare.
    Una cosa certa e che giustamente hai sottilenato è che il movimento podistico varesino deve essere più unito.

    Ciao Andrea Basoli

  8. Runners Valbossa 22 settembre 2009 15:20  

    Cario Valerio, tu non conosci la verità. Io ho chiamato Raffaele PRIMA delle ferie per definire cosa fare in merito ad un opuscolo pubblicitario da fare in comune con il Piemonte e ci siamo lasciati con l'intento di risentirci ai primi di settembre.
    Sempre io ho chiamato Raffaele dopo le ferie e mi sono sentito dire che Puricelli si era offerto di organizzare il Winter e che bisognava parlare con lui. Puricelli dice che lui se ne è occupato perchè gli era stato detto che sia noi che la Verbano non eravamo interessati.
    Mi piacerebbe molto organizzare un bell'incontro tra Valbossa, Athlon, 7 Laghi, Casorate e Miralago così magari ci chiariamo un po' le idee. Noi abbiamo chiesto ripetutamente di incontrarci per trovare una soluzione (perchè non fare 5 tappe per esempio?) ma ad oggi nessuno ha detto di si.
    Se ci vedremo sabato poi ti spiego cosa significa organizzare una gara "alla carlona" e ti spiego perchè qualcuno non vuole la Valbossa.

    il pilo

  9. Runners Valbossa 22 settembre 2009 17:01  

    Ciao a tutti, sono il famoso Ste…(…fano
    Beltramello-Atletica Verbano)
    ..vi ringrazio per aver inserito anche il mio nome in questo
    simpatico dibattito, ovviamente non mi astengo
    dall’intervenire, principalmente per 3 motivi:
    1) come ho detto, perché è stato fatto il mio nome per
    l’organizzazione winter 2008
    2) è stata nominata Atletica Verbano

  10. Runners Valbossa 22 settembre 2009 17:01  

    3) è stato nominato il Cross del Vallone. Per cui vorrei
    chiarire questo:

    per il punto 1 dico): mi sa che un po’ tutti ci siamo
    dimenticati una cosa: lo scorso anno sapevamo benissimo che
    per una serie di motivi (e di carattere economico, e di
    carattere organizzativo con l’entrata nell’orbita Fidal
    e di carattere personale, con alcune vicissitudini
    societarie che hanno precluso una più massiccia
    partecipazione di A.Verbano) l’edizione 2008 del Winter
    sarebbe stata travagliata; però eravamo anche ottimisti
    nel dire che sarebbero stati problemi transitori, un gettare
    le basi (in ambito fidal) per delle edizioni successive che
    avrebbero riscosso nuovi consensi (come penso accadrà
    quest’anno). Col senno del poi,mi sa che è stato fatto
    un grave errore: non aver fatto una riunione tra gli
    organizzatori, a fine Winter, per chiarire eventuali
    disaccordi (che, a sentire in giro, sono usciti con un anno
    di ritardo).

  11. Runners Valbossa 22 settembre 2009 17:02  

    A me sembra di essere rimasto in buoni rapporti
    con Marco e Claudio, sarà mia premura sentire anche
    Raffaele per vedere se è rimasto qualche strascico
    polemico di carattere personale.

    Del punto 2 dico: Atletica Verbano non è stata contattata
    ufficialmente da nessuna persona per organizzare
    l’edizione 2009/2010 del Winter. Che io sappia,’unica
    volta in cui qualcuno del direttivo ha parlato con qualcun
    altro, del Winter è stato nella serata della Gara di
    Caravate (giugno?luglio?) quando ho incontrato Raffaele dopo
    tanto tempo: un saluto, un paio di “come va”, poi una
    reciproca domanda un po’ perplessa “per il winter che si
    fa??” e un “non so finale” : nel caso uno scambio di
    idee fatto 10 minuti prima della partenza della gara possa
    essere considerato un incontro ufficiale, statemi lontani
    nelle prossime gare.

  12. Runners Valbossa 22 settembre 2009 17:03  

    E’ anche vero, a onor di cronaca, che Atletica Verbano non
    ha contattato nessuno per chiedere del Winter: così come
    non ho interpellato Raffaele (con cui mi vedo ben poco) non
    ne ho mai parlato neanche con Claudio e Marco (che incontro
    molto più spesso), anche perché, per mia colpa ed
    errore, ho dato per scontato che tutto sarebbe iniziato a
    Settembre. Silenzio assenso a non partecipare?
    Poi a seguito di note vicissitudini, abbiamo evitato di
    intrometterci in una situazione già di per sé
    ingarbugliata (sebbene sia concorde con molte considerazioni
    fatte precedentemente da Pillo).

  13. Runners Valbossa 22 settembre 2009 17:03  

    Del punto 3 dico: nessun problema perché il
    “Vallone-Trofeo Sangalli”, non sia stato preso in
    considerazione. Anche se fossimo entrati
    nell’organizzazione del Winter, avremo puntato ad una cosa
    che già viene fatta in questa edizione: organizzare le
    gare nello stesso anno solare(per evitare una serie di
    problemi). Nel caso, avremo puntato per richiedere
    l’organizzazione della gara di Cuvio (a cui avevamo già
    attivamente collaborato nella scorsa edizione, anche se poi
    è un cross escluso dal calendario) o su una nuova gara
    (come poteva essere il Cross di Brinzio di qualche anno fa).

    Anch’io in un primo momento ero un po’ irritato, ma poi,
    animato ad una nuova serenità interiore dopo le recenti
    esperienze di corsa tra gli amati monti, mi sono
    tranquillizzato perché mi sono dato delle risposte ben
    precise…..

    - per l’esclusione di A.V.: dopo un primo attimo di
    perplessità, ho riflettuto e mi sono detto: se per 2 anni,
    per il Winter, è stato contattata l’Atletica Verbano di
    Ugo Fantoni, e quest’anno viene contattata la 7 Laghi di
    Ugo Fantoni appare ovvio che ad interessare sia Ugo Fantoni
    e non Atletica Verbano. Guardate che scrivo queste cose
    assolutamente senza nessuna nota polemica con nessuno, mi
    sembra ovvio che se si deve fare qualcosa tutti preferiscono
    farlo con le persone con cui si è in qualche modo legati
    (amicizia, sintonia, stesse idee, etc…..). Per il resto
    non mi interessa più di tanto chi organizza una
    determinata gara, se la cosa mi piace e non sono dentro come
    organizzazione, ci vado come atleta (come ho fatto per il
    3000 di sumirago fatto da 7laghi ed inserito nel granprix
    Pu.ma)

    - per l’esclusione di Valbossa- cari Claudio e Marco, vi
    conosco da un po’ e vi dico che avete un brutto difetto:
    dite sempre ciò che pensate e puntualizzate sempre su
    ciò che è sbagliato (o su ciò che reputate sbagliato,
    anch’io ho avuto le mie belle discussioni con Marco circa
    determinati argomenti) Questo potrebbe creare qualche
    incomprensione di troppo, che se non chiarita in tempo,
    potrebbe creare qualche complicazione. ….Non tutti sono
    bravi come me a sopportarvi e controbattervi……..
    Forse è questo uno dei motivi di quanto successo, anche se
    alla fine la cosa appare illogica e controproducente: non
    inserire un Cross come quello di Crosio, ben rodato, ben
    premiato e ben organizzato da una delle Società simbolo in
    provincia (non vi sto adulando, considerando i vostri atleti
    e ciò che fatte per l’atletica sfido chiunque a dire il
    contrario) è un gravissimo errore. Il problema della data
    poi mi sembrava una cosa marginale, quando è emerso tutto,
    sembrava più una giustificazione che una motivazione.

    In poche parole, il team a tre Miralago, Valbossa e Verbano
    ( per diverse ragioni) era destinato a non durare…..magari
    ci si poteva lasciare in maniera un po’ più elegante….
    che avrebbe evitato inutili polemiche… ma non tutto è
    possibile nella vita. Personalmente non ne faccio un
    dramma….dalle ceneri nasce sempre una fenice….

    Ci sarebbe invece un aspetto e un punto che vedo non viene
    più preso in considerazione e che potrebbe portare a
    quella coesione auspicata da Valerio: chiudere quella porta,
    aperta dalla Fidal nella scorsa stagione e organizzare una
    riunione tra tutte le varie società Fidal amatori/master
    della Provincia in cui definire dei punti per la prossima
    stagione: un calendario di massima per evitare di pestarci i
    piedi e per poter programmare una stagione agonistica con un
    certo anticipo, modalità di comunicazione per evitare che
    informazioni importanti non giungano a destinazione,
    chiarire chi ci rappresenta in provincia e in regione e con
    che modalità e tanto altro…

    Ora interrompo……. scusate la lungaggine e a disposizione
    per eventuali risposte e chiarimenti su quanto scritto
    (anche se i tempi di connessione ad internet sono limitati
    per me).

    Stefano Beltramello

  14. gilda 23 settembre 2009 09:09  

    non voglio giudicare la scelta, se vogliamo anche condivisibile, di lasciare “quei rompipalle della Valbossa” fuori dall’organizzazione del Winter Challenge… ma i modi! un minimo di onestà e coraggio per le proprie scelte … ci tagliano fuori e poi si giustificano mettendo in piedi il teatrino… poverini loro hanno inutilmente cercato di contattarci e noi li abbiamo snobbati fino all’ultimo per poi cambiare improvvisamente idea e piantare il solito casino!… ma dai, caro Valerio, la storia non sta minimamente in piedi, è sotto gli occhi di tutti (perlomeno di quelli che non sono soliti girare con il paraocchi) che le cose non stanno come si racconta… Sarebbe sicuramente stato più corretto, accettabile e onesto comunicare chiaramente a Valbossa e Verbano che per divergenze di opinione, modalità organizzative, incompatibilità personale o quant’altro ci sia sotto, l’infelice connubio si rompeva, invece di accampare assurde scuse e inventare fantasiose storie! Voglio credere alla buona fede delle altre società coinvolte, ma solo alla buona fede iniziale… dopo trattasi di connivenza! Forse converrebbe anche a voi fare chiarezza sulla questione! Noi della Valbossa potremo essere dei gran rompi-palle (sicuramente io, Marco e Claudio lo siamo), ma non dei racconta-palle, né tantomeno siamo soliti ai giochetti di dubbia trasparenza che ci vengono attribuiti. Il marcio in questa vicenda non ce l’abbiamo voluto trovare noi, c’è di suo, e si vede e si sente, sempre che non si vogliano tenere naso e occhi ben tappati!

    Gilda (con l’approvazione di Marco)

  15. basoli 23 settembre 2009 12:12  

    Beh Gilda, oltre che all'approvazione di Marco per quanto hai egregiamente espresso, do anche il mio consenso.
    Hai spiegato bene come stanno le cose.

    Ciao Andrea Basoli